Blog

  • LA CREATIVITA’ NASCE QUANDO INCONTRA LA PASSIONE

    Le mie opere sono femminili e seducenti, la donna diventa “passione” con cui raccontare la propria anima . Chi sceglie un punto di vista differente nella vita, si riflette come un essere umano nel mio linguaggio creativo e unico”.

    “L’ opera rappresenta il mio viaggio, la mia volontà di cogliere l’anima delle persone. Su ogni tela, colore, corpo e anima del mio lavoro, rende viva e dinamica la comunicazione. Il mio viaggio artistico segue l’arco dell’esistenza spirituale, la ricerca continua, lo studio antropologico delle persone e l’apertura ai linguaggi visivi più contemporanei, con la potenza del colore”

  • MADE WITH DIFFERENCE

    Ciao, sono Ilaria Toncelli, artista e proprietaria del Brand “Sorry I’m Different”.
    Oggi sono qua a raccontarvi del nuovo progetto beneficenza per aiutare l’asilo “Beata Diana” di Santa Maria a Monte (PI) Italy.

    Un giorno come tanti nel caos di questi terribili giorni, mi sono imbattuta in un momento che ha fermato il mio cuore, due infermieri dei quali non si poteva riconoscere nemmeno i volti, interamente coperti da protezioni si facevano coraggio abbracciandosi in un triste corridoio scuro  dell’ospedale …era appena finita un’altra lunga notte in cui non si erano risparmiati per curare e salvare persone.

    Ho scattato una foto e ne ho realizzato un quadro per fermare questo momento tanto
    intenso, l’opera e’ stata premiata in occasione del Premio Arte Internazionale ” Leonardo da Vinci” che si e’ svolto a Firenze all’interno di Palazzo Xiemes Panciatichi.

    Cosi’ ho pensato a un milione di cose che potevo fare oltre ad un semplice quadro per poter
    aiutare le associazioni, compreso quella di fare volontariato ma le buone azioni non bastano, sevono contributi concreti.

    E una delle tante notti in cui non riuscivo a prendere sonno, ho pensato a quelle parole scambiate tanti anni fa con mia nonna, che aveva fatto la guerra :

    – “Nonna, cosa si fa se si è disperati?”
    – “Si cuce bambina mia. A mano, lentamente. Gustandosi ogni onda creata con le proprie dita.”
    – “Cucire fa allontanare la disperazione?”
    – “No. Cucendo tu la decori. La guardi in faccia. L’affronti. Le dai forma. L’attraversi. E vai oltre.”
    – “Davvero è così potente cucire a mano?”
    – “Certo cara. La gente non cuce più e per questo è disperata.
    Le sarte sanno che con ago e filo puoi affrontare qualsiasi situazione buia riuscendo anche a creare dei
    meravigliosi capolavori.
    Mentre muovi le tue mani è come se muovessi la tua anima in modo creativo. Se ti lasci trasportare dal ritmo
    ripetitivo del rammendo e del ricamo entri in un vero e proprio stato meditativo. Riesci a raggiungere altri
    mondi.
    Ed il groviglio di fili emotivi dentro di te si ammorbidisce. Senza fare null’altro.”
    – “Cosa s’impara cucendo?”
    – “Ad affrontare ogni punto. E basta. Senza pensare al punto successivo. Ci si focalizza sul punto presente, ad
    ogni cucitura. Che poi è quello che ci sfugge nella vita quotidiana. Siamo disperati perché pensiamo sempre al
    futuro. E così facendo, il ricamo diviene disarmonico, confuso, poco curato.”
    – “Si ma nonna… le preoccupazioni e le paure come si fanno a vincere con il cucito?”
    – “Bambina mia. Non le devi vincere. Le devi solo accoglierle.
    E comprenderle. Cucendo tessi la trama della tua vita con le tue mani, sei tu a creare l’abito adatto alla
    situazione e questo diventa il miglior mezzo comunicativo che puoi avere.
    Cucendo ti colleghi a quel filo sottilissimo che appartiene a tutta l’umanità e ai suoi misteri. Cucendo ti
    trasformi in un ragno che tesse la sua ragnatela raccontando silenziosamente al mondo tutti i segreti della
    vita.
    Intrecciando i fili, intrecci i tuoi pensieri, le tue emozioni.
    E ti colleghi all’ anima che è in te e che tiene in mano l’inizio del filo.”

    “SE VUOI CHE IL MONDO CAMBI INIZIA CON IL CAMBIARE TE STESSO”

    E quale poteva essere il mezzo comunicativo e piu’ diretto per far notare il progetto?
    La #tshirt da bambino, uomo, donna ad edizione limitata.
    Cosi sono state realizzate con l’immagine simbolo di quel momento ancora impresso nei miei occhi, in 100% cotone biologico certificato, 155g / m2, lavabile a 40° gradi in lavatrice. Senza #OGM. Non testata su animali. Non contiene prodotti di origine animale.
    Stampata in Italia con tecnologia di stampa a basso spreco e prodotta in una fabbrica alimentata da energia rinnovabile controllata e sostenibile.


Segui il mio blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: